Modello IRIS

Iris-disegni-vasca

La vasca è un corpo unico delle seguenti dimensioni.
Massime esterne:

lunghezza cm 512 ;
larghezza cm 230 ;
altezza cm118

Interne:

lunghezza cm 479;
larghezza cm 202;
altezza (livello acqua) cm108.

La superficie a contatto con l’acqua è composta di gelcoat conforme ai capitolati nautici. Nei lati stretti della struttura da una parte è ricavata un scala di discesa in acqua con pavimentazione antiscivolo e dall’altra una seduta di 30 cm di profondità, per maggior comfort e sicurezza degli utenti, queste sagome sono raccordate con ampi raggi.
Una volta riempita la vasca, l’acqua rimane sempre la stessa, per cui serve un adeguato trattamento sanificante. Una pompa da 250W e portata 6 mc/ora aspirando l’acqua da una presa a skimmer con cestello di raccolta delle parti più grossolane, la fa circolare attraverso un filtro a cartucce, così pulita da particelle in sospensione l’acqua viene reimmessa attraverso una bocchetta posta alla base creando un movimento rotatorio; questa pompa è collegata ad un timer ove programmare il ricircolo (8»12 ore o più per giorno), con un dispositivo brevettato viene immesso ozono generato da un apparecchio in dotazione alla vasca. All’ozono che è un potentissimo ossidante basta aggiungere come disinfettante un pò di cloro granulare, versandolo per la miscelazione direttamente sopra un getto in azione e l’acqua della vasca rimane limpida, pura e senza odori. Per il nuoto contro corrente e l’idromassaggio vi è un apposito circuito idraulico composto di 2 pompe specifiche per piscine, ognuna da 1,6 Kw di potenza, portata 40mc/ora a 10m di prevalenza, per l’accensione e lo spegnimento, collegato ad ogni pompa, vi è un pulsante pneumatico ad aria posto sul bordo vasca. l’impianto è diviso in due parti simmetriche, ogni pompa aspira attraverso una bocchetta di adeguata portata e con dispositivo antirisucchio, la mandata è diretta ad una valvola a tre vie con comando manuale posto sul bordo vasca, questa valvola serve per direzionare il flusso o verso il nuoto contro corrente o verso le bocchette idromassaggio. Sempre nel lato della scala e al piede del secondo gradino (circa 25cm sotto il pelo dell’acqua) in posizione centrale a circa 15 cm una dall’altra si trovano le due bocchette per il nuoto contro corrente ognuna collegata alla valvola a tre vie e quindi alla propria pompa, in questo modo si può utilizzare il flusso totale di acqua dato dalle due pompe pari a 80 mc/ora per un nuoto forte e atletico o con una sola pompa in azione e un flusso di 40 mc/ora per chi ha un nuoto meno vigoroso (dimezzando la portata non è che automaticamente si dimezza la potenza del flusso: questa si riduce di circa un terzo) , i getti sono regolabili nella direzione e dotati di un sistema tipo tubo Venturi di miscelazione acqua aria, con presa indipendente d’aria e relativo regolatore posto sul bordo vasca, questa caratteristica risulta particolarmente interessante quando si vogliono usare questi getti per un massaggio vigoroso perché con la miscelazione acqua aria si ottiene un effetto ancora più benefico; anche in questo caso si può operare o con entrambe le pompe in azione o con una sola in base al vigore del massaggio che si cerca. Ruotando il comando delle valvole a tre vie nell’altro lato dirigeremo il flusso di ognuna delle pompe verso sei bocchette per idromassaggio. Per intensificare il movimento dell’acqua si sono utilizzati dei getti col becco rotante a inclinazione variabile e sistema di miscelazione aria acqua che creano un turbinio eccezionale. Un ulteriore variante del sistema è data dalla possibilità di poter dirigere il flusso di una pompa sulla bocchetta del nuoto contro corrente e l’altro sui 6 getti idromassaggio in modo che mentre un utente fruisce degli effetti del getto unico, altri possono stare seduti in un rilassante spumeggiare di acqua e bollicine.Per l’illuminazione notturna vengono utilizzati due faretti subacquei 12V con comando pneumatico a bordo vasca. Per un rilassante idromassaggio è necessario che la temperatura dell’acqua sia di 30-32 C°, o qualcosa in più, anche in piena estate. Questo non deve indurci a pensare che poi sia troppo caldo per nuotare, al contrario in questo modo si diminuisce il rischio di contrazioni muscolari e si aumenta l’efficacia dell’esercizio.le vasche sono dotate di riscaldamento che può essere di due tipi:
1°)con pompa di calore da 34000 Btu/h (10 Kw) resi; per un assorbimento di 1,9 Kw, che sommato a quello della pompa del sistema filtrante ha un assorbimento totale di energia di 2,2 Kw con un guadagno di 1 grado C° all’ora sulla massa totale d’acqua. La gestione è affidata a un circuito elettronico con termostato e display ove impostare la temperatura desiderata.
2°) con scambiatore acqua-acqua collegato a una caldaia. Tutti i comandi e i controlli della temperatura fanno sempre parte della dotazione della vasca, si deve solo prevedere l’allacciamento ad una caldaia esistente o ad una dedicata. Quella dello scambiatore di calore è pure una soluzione meno dispendiosa, se già si dispone di una caldaia. Per le vasche in esterno poter agire sulla temperatura dell’acqua, inoltre vuol dire prolungarne l’utilizzo stagionale.

interno_iris
Vuoi saperne di più?

Modello IRIS ultima modifica: 2013-12-03T09:38:35+00:00 da admin

I commenti sono disattivati